Nyokid: “con Siirio eravamo distanti anni luce – Gli UD Walkers li porto nel cuore ma nei Bomberoni mi sono sentito a casa.”

Home » Nyokid: “con Siirio eravamo distanti anni luce – Gli UD Walkers li porto nel cuore ma nei Bomberoni mi sono sentito a casa.”
 
  • Sito web in sviluppo, se trovate problemi, unitevi al nostro Discord o gruppo Telegram!
  • Cerchiamo articolisti e giornalisti da aggiungere alla nostra redazione
  • Il prossimo torneo di PRO CLUBS sarà un DRAFT e si terrà il 13 agosto
author image by Forest | 0 Comments | 21 Dicembre 2021

1) Ciao Nyokid, tu sei ormai uno dei veterani della community PC. In che anno hai cominciato a giocare a Proclub? Qual è stato il tuo primo team?

Innanzitutto buongiorno a tutti.

In realtà tanti non lo sanno ma i primi anni di pro club li ho giocati su Ps3 per poi passare su pc nell’ormai lontano 2015. Le prime proposte di ingaggio sono arrivate dagli Audere Semper e dagli Italian B4st4rdz ma alla fine avevo deciso di creare un club tutto mio per giocare con gli amici. Insieme a Samurai, Bizio e Gunners avevamo fondato i Konami Team.

2) C’è una persona o un capitano che è stato importante per te da quando hai cominciato e al quale ti ispiri tuttora? Quali insegnamenti hai preso in prestito?

Non voglio sembrare altezzoso ma onestamente non mi sono ispirato a nessuno semplicemente perché ho sempre fatto il capitano e le esperienze nei club sono sempre state brevi per un motivo o per un altro. Le uniche ispirazioni, per cosi dire, sono arrivate dai miei stessi errori, imparando nel tempo ad essere meno impulsivo e più paziente con le persone. Se devo fare un mix di qualità direi Siirio per come riusciva a tenere sul pezzo la squadra durante le partite e ilPex a livello di gestione del club, una persona eccezionale e non mi stancherò mai di dirlo.

3) Successivamente sono arrivati i team importanti. Ci sono stati i Lets Play Fifa di Siirio. Che rapporto hai avuto con lui? Cosa è andato storto?

Diciamo che quella è stata un’esperienza in cui poteva andare tutto bene o tutto male. Purtroppo abbiamo rischiato e ne abbiamo pagato le conseguenze. Avevamo deciso di fare una fusione tra The Ravens e Let’s Play Fifa con a capo me e Siirio. A livello organizzativo lasciavo fare Siirio perché comunque gli riconoscevo la maggiore esperienza ma purtroppo a livello di idee eravamo distanti anni luce e alla lunga ha portato a forti contrasti interni e ad un’inevitabile crollo del progetto. Se potessi tornare indietro onestamente non so se lo rifarei però giocare con Siirio è stato molto divertente, ho un bel ricordo di lui anche se la gente pensa che non mi sia simpatico.

4) Un anno dopo, il tentativo di rifondare i Ravens si può dire che sia stato un fallimento. Ora sei ripartito da capo con i Metronomo e molti player nuovi. Cosa non ha funzionato con il tuo gruppo storico?

Onestamente quella dell’anno scorso è stata la più brutta esperienza a livello competitivo. Il gruppo storico ormai era appagato e svogliato, non seguivano le direttive e il clima non era dei migliori. Volevamo tornare alla grande ma alla fine siamo solo stati solo la brutta copia degli storici The Ravens. Non tutti i mali comunque vengono per nuocere, se non fosse stato per questa brutta esperienza non avrei giocato con il miglior giocatore di tutti i tempi, Alishow (faccina che ride).

5) Come ti sei trovato nella tua breve parentesi nei Bomberoni, a livello di affiatamento e affinità di gioco e come mai hai voluto ripartire nuovamente da zero con il progetto Metronomo?

I Walkers li porto nel cuore perché sono stato davvero bene con loro ma nei Bomberoni mi sono proprio sentito a casa. Mi hanno accolto bene sin da subito, Pex non vedeva l’ora di darmi ordini (scherzo!). A livello di gruppo mi sono trovato bene perché più che un gruppo di player, sono una famiglia. A livello di gioco purtroppo non è scattata la scintilla ma posso assicurarvi che giocare nei Bomberoni non è solo scattare per ricevere il lancio del capitano, c’è un lavoro minuzioso, direi quasi maniacale. Mi ha colpito principalmente la robustezza e la capacità di difendere, non mollavamo mai niente e questo generava nei giocatori la capacità di reagire anche nelle situazioni più ostiche. Avrei voluto chiudere con la vittoria della coppa Italia ma purtroppo abbiamo sbagliato la partita più importante, peccato. Colpa di Pex ovviamente (faccina che ride).

I Metronomo sono una scommessa, ho voluto portare le mie idee di gioco a giocatori prevalentemente nuovi per trovare nuovi stimoli, provando a trasmettere la mia esperienza. Dopo qualche mese posso dire di aver fatto la scelta migliore che potessi fare. Probabilmente uno dei migliori gruppi che abbia mai gestito, siamo una famiglia.

6) Con i Ravens, insieme a Noxyus e Falcaos, ti sei preso una bella rivincita e hai vinto un campionato. Cosa ricordi di quelle stagioni,  prima contro gli Hypnotix e poi contro Arancia Meccanica?

No fermi, Noxyus è diventato un player conosciuto giocando nei Ravens e nel tempo è diventato anche un amico. Per cui riformulerei la domanda dicendo con i Ravens e Falcaos ( faccina che ride ). Quella è stata una stagione di Fifa bellissima, con l’arrivo di Falcaos, il ritorno di Noxyus e vari innesti di qualità siamo riusciti a mettere su un team diventato in poco tempo una corazzata. Ho imparato tanto in quella stagione ed è inutile nascondersi dietro ad un dito, Nox e Falcaos sono stati fondamentali per la vittoria finale. La prima stagione purtroppo è difficile da calcolare, siamo arrivati in finale di VPL con la formula dei playoff nonostante avessimo dato più di 10 punti alla seconda classificata. Abbiamo comunque perso la finale contro gli Hypnotix, che comunque hanno meritato nei due scontri diretti. La seconda stagione è stata la più avvincente; avevamo i favori del pronostico ma c’erano dietro di noi gli Arancia Meccanica di Bonny ( praticamente i Ragnarok) e gli Hypnotix di Zuperman più agguerriti che mai. Abbiamo avuto una fame pazzesca ed ero sicuro che alla fine avremmo vinto. Siamo stati primi dall’inizio alla fine e abbiamo portato a casa il titolo meritatamente, aggiungerei dopo anni di bella gavetta. Peccato per l’Europa League, lì ci siamo fermati in semifinale.

7) Negli anni hai allenato diversi giocatori che poi nel tempo sono diventati importanti per la community, vorresti elencarne qualcuno che ti è rimasto impresso per qualche motivo?

Ci sono delle chicche come l’aver scoperto Queizal e Incomplete nelle partite al volo per esempio, potrei elencarne diversi ma preferirei fare una top 11 per evitare troppi giri di parole.

4-3-3

GK: il Borga (ovviamente),

DIF: Groovenerd85 – Pedro88cppt – Romanista – Fenix49

CEN: Incomplete – Evilchuckdeath – Mitico

ATT: Samurai – Noxyus – Gunners

Grazie per l’intervista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hit enter to search or ESC to close